Oggi vogliamo iniziare un tour per farvi conoscere tre meraviglie della nostra penisola, il Bel paese ne ha veramente tante ma se dovessimo sceglierne tre da raccontarvi sarebbe nella top 3 di tutti Bergamo Alta, la parte più storica della città arroccata sulla collina con delle meraviglie dietro le mura una dopo l’altra.

Conosciamo Bergamo

Abbiamo detto che la parte da visitare si trova sulla collina bene, partiamo dai sentieri. Uno dei più famosi è il vicolo: Scaletta di Santa Lucia poco frequentata e quindi molto più silenziosa rispetto ad altre. Ed è qui che inizia il nostro percorso alla scoperta delle bellezze di Bergamo Alta.Il tracciato sale dolcemente fiancheggiando Villa Tentorio e prosegue per 350 metri (e 200 gradini) fino all’intersezione su via Tre Armi. Ed eccoti di fronte alle mura venete alla porta San Giacomo, le mura che circondano Città Alta furono costruite dalla Repubblica di Venezia tra il 1561 e il 1588.

In quell’epoca, Bergamo rappresentava l’estremità occidentale della Serenissima e rivestiva un ruolo di importanza strategica, data la sua collocazione geografica. L’accesso alla città avveniva da quattro porte: Porta San Giacomo (l’unica oggi perennemente pedonabile), Porta Sant’Agostino, Porta Sant’Alessandro e Porta San Lorenzo. Porta San Giacomo, in marmo bianco rosato, è la più bella e maestosa delle quattro. Fu costruita nel 1592 e mostra, al centro, l’effigie del leone alato di San Marco. Oltrepassa la porta et voilà… Welcome to Bergamo Alta!

I Must da Visitare

Il Castello di San Vigilio, che prende il nome dall’omonimo colle, in realtà, non è nulla di che. A dire il vero, a me non piace proprio! Si dice però che sia il primo luogo di Bergamo ad essere stato fortificato, nel VI secolo d.C. Dal castello di San Vigilio si gode però di una vista quasi a 360 gradi sulla città di Bergamo e i paesi limitrofi, compresa la linea delle Prealpi Orobiche che si staglia all’orizzonte. Il posto è particolarmente tranquillo e ventilato. l percorso prosegue in Piazza della Cittadella, raggiungibile varcando un passaggio coperto all’estremità di Largo Colle Aperto. Piazza della Cittadella, così come è oggi, è la principale testimonianza del dominio visconteo. Qui Rodolfo Visconti fece edificare, nel 1379, gli alloggiamenti per la guarnigione.

Gli edifici ospitano ora il Museo Civico di Scienze Naturali, sede di numerose iniziative rivolte soprattutto alle scuole e ai bambini. Seguendo la strada di epoca romana che la taglia diagonalmente, si passa sotto la Torre della Cittadella e si sbuca in Piazza Mascheroni. Piazza Vecchia è il simbolo di Bergamo Alta nonché la piazza principale della cittadina. Qui sono concentrati tutti gli edifici di maggior interesse:Il palazzo della Ragione, La torre civica, anche detta “il Campanone” Il palazzo della biblioteca, Al centro della piazza si trova la Fontana di Piazza Vecchia. Attraversando la piazza e infilandosi nel il porticato al di sotto del Palazzo della Ragione, si sbuca in piazza Duomo, che custodisce quattro bellezze vere e proprie: Il Duomo di Bergamo, La Cappella del Colleoni, Il Battistero, La Basilica di Santa Maria Maggiore. Prenditi un po’ di tempo anche per ammirare anche l’antica meridiana sotto ai portici.

Articoli consigliati